Ripresa economica, quali le reali prospettive?

L’economia politica è quella scienza che insieme alla politica si preoccupa di far vivere buona parte della popolazione mondiale in perenne scarsità di risorse. La sociologia è, invece, quella scienza che prende atto della triste situazione. La statistica, poi, si cimenta nel dare i dati esatti affinché la finanza possa, attraverso un giusto impiego dei capitali, fare in modo che la situazione riesca ulteriormente a peggiorare
Carl William Brown

Advisor Abbate - Economia 4

Come Advisor sono convinto che la ripresa economica nei Paesi sviluppati sia entrata in una nuova fase di fragilità. Molti Paesi sviluppati, in particolare in Europa, hanno spostato lo stimolo a restrizioni di bilancio.

Inoltre la spesa privata non ha recuperato e la disoccupazione è rimasta elevata. Tutto questo crea rischi di stagnazione prolungata o di doppia recessione in alcune economie sviluppate.

Data la mancanza di crescita dell’occupazione e dei salari in Europa, Giappone e Stati Uniti, le loro politiche dovrebbero mirare a un rinnovato stimolo monetario e fiscale delle loro economie, invece di cercare di riconquistare la fiducia dei mercati finanziari andando a tagliare prematuramente la spesa pubblica. È importante capire che non c’è niente in un pareggio del bilancio che porterebbe automaticamente ad un assorbimento della capacità in eccesso fino a quando il settore privato non aumenta la spesa.

Advisor Abbate - Economia 5Al contrario, il pareggio del bilancio, limitando i redditi disponibili delle persone con una alta propensione al consumo, diminuirebbe la domanda e farebbe aumentare la capacità in eccesso ulteriormente. La rapida ripresa delle economie asiatiche dopo la crisi, in particolare della Cina e dell’India, e il relativamente veloce recupero dei prezzi delle materie prime, hanno contribuito a sviluppare quei paesi, che mantengono la loro dinamica di crescita.

Tuttavia, molti paesi in via di sviluppo continuano a subire considerevoli rischi al ribasso e il pericolo di uno shock esterno negativo non può essere completamente escluso, data la volatilità dei prezzi delle materie prime, la crisi continua in Europa, come pure la loro esposizione ai significativi flussi di capitale a breve termine, che tendono a esercitare una pressione al rialzo sulle loro valute e danneggiano le loro industrie esportatrici.

In altre parole, anche se la crescita in molti Paesi in via di sviluppo ha dovuto fare maggiore affidamento sulle forze interne, piuttosto che sulle esportazioni, resta vulnerabile.

Come Advisor reputo che i paesi in via di sviluppo dovrebbero mirare a mantenere condizioni macroeconomiche stabili a livello nazionale. Come pure una rigorosa ri-regolamentazione del settore finanziario nei Paesi sviluppati è essenziale per ridurre le possibilità di una nuova crisi finanziaria, e, nel frattempo, dovrebbe essere più orientato verso gli investimenti in capitale fisso.

Parallelamente, i Paesi in via di sviluppo dovrebbero utilizzare dei controlli sul capitale, sull’accumulo di riserve estere e sulla gestione dei cambi, al fine di ridurre i rischi di un contagio associato a crisi finanziarie esterne.

Advisor Abbate - economia 6Data l’importanza della spesa privata per stimolare la domanda globale, le politiche dei redditi nelle più grandi economie potrebbero contribuire in modo significativo a una espansione equilibrata, soprattutto quando la ripresa globale è ancora fragile.

Un elemento essenziale di tale politica è l’aggiustamento dei salari reali in linea con la produttività, in modo che il consumo interno possa aumentare in linea. Ciò aiuterebbe anche a prevenire un aumento dei costi unitari del lavoro, e quindi manterrebbe la principale fonte interna di inflazione sotto controllo.

La politica monetaria potrebbe, quindi, ridurre la sua attenzione sulla stabilità dei prezzi, fornendo una maggiore attenzione per garantire finanziamenti a basso costo per gli investimenti nel settore della capacità produttiva, che a sua volta creerebbe nuove opportunità di lavoro.

I salari in aumento ad un tasso che corrisponde approssimativamente al tasso di crescita della produttività, aumentati da un tasso obiettivo di inflazione, è il migliore sistema di ancoraggio per le aspettative di inflazione.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...